Riqualificazione energetica degli edifici in Alto Adige per persone fisiche

Il „bonus energia“ offre in Alto Adige la possibilità di ampliare un edificio esistente nel corso di una ristrutturazione energetica. Per poter beneficiare di tale opportunità, vanno rispettati alcuni presupposti ed obblighi.

Obblighi e presupposti


  • attraverso l’opera, da una classe CasaClima di livello inferiore, viene conseguito l’incremento almeno a classe CasaClima C, ovvero qualora con la certificazione CasaClima R si raggiunga un miglioramento dell’efficienza energetica dell’edificio;
  • l’edificio deve essere legalmente esistente al 12 gennaio 2005 o aver ottenuto la concessione edilizia prima tale data;
  • l’edificio deve presentare una cubatura fuori terra di almeno 300 m³;
  • l’edificio deve essere destinato prevalentemente ad uso residenziale (oltre il 50%);
  • la cubatura ammissibile è riservata per la destinazione d’uso “abitazione”.

Nel caso di recupero ad uso abitativo di sottotetti legalmente esistenti non abitabili, questi ultimi possono essere alzati nella misura assolutamente necessaria per raggiungere l’abitabilità, anche se in tal modo si supera la misura del bonus energia. La cubatura aggiuntiva può essere utilizzata solamente per il sottotetto e l’altezza massima ammissibile prevista dallo strumento di pianificazione vigente può essere superata fino ad 1 metro.

Bonus energia nelle zone residenziali

Oltre agli obblighi sopra menzionati, nelle zone residenziali del tipo A, B e C va tenuto conto di quanto segue.

La cubatura esistente con la destinazione d’uso di cui all’articolo 75, comma 2, lettera b) (attività terziaria eccenttuato il commercio) e c) (commercio al dettaglio), della legge urbanistica provinciale è partificata alla cubatura con la destinazione „abitatzione“.

Applicabilità

Il bonus energia può corrispondere al 20% della cubatura esistente ed in ogni caso raggiungere 200 m³. Nel verde agricolo il bonus non deve essere superiore a 200 m³.

Nel caso in cui sia demolita piú del 50% della cubatura esistente, può essere applicata soltanto il bonus energia per la nuova costruzione. È previsto un aumento della cubatura dal 10 al 20% secondo i criteri di efficienza energetica.

Si può usufrire del bonus anche nel caso di risostruzione in altra sede nel verde agricolo per motivi di periocolo.

Nelle zone residenziali è permesso superare il limite massimo d altezza previsto fino a 3 metri. Qualora il Comune lo preveda, questo può avvenire anche se non vi è un piano di attuazione.

Alternativamente va rispettata una certa relazione fra altezza dei muri e distanza dall'edificio posto frontalmente.

Qualora si superi il limite di 3 metri è necessario un piano di attuazione (rispettivamente deve essere modificato il piano di attuazione esistente).

Il bonus energia può essere applicato rispettando i requisiti generali prescritti. La legge prevede che si possa intervenire:

1. in altezza mediante l'ampliamento del sottotetto;
2. in profondità mediante l'ampliamento del piano seminterrato;
3. in larghezza, ad es. chiudendo il balcone per creare un nuovo locale.


Eccezioni

Ogni Comune ha la facoltà di individuare le zone in cui il bonus di energia non può essere applicato o può esser applicato solo in parte.
Per gli edifici sottoposti a tutela dei beni culturali è necessario un parere conforme della competente autorità. Per gli edifici situati in zone soggette a tutela degli insiemi o nelle zone A sono da osservare le particolari caratteristiche che hanno originato il vincolo di tutela medesimo. Restano altresì esclusi dal bonus di energia gli edifici ubicati nelle zone boschive e/o di verde alpino e nelle zone per insediamenti produttivi (eccezione: edifici esistenti adibiti ad abitazione).

Disposizioni transitorie

Le domande riguardanti interventi edilizi presentato entro e non oltre 30 giorni dalla pubblicazione della delibera possono essere ancora trattate ai sensi della delibera precedente.


Limite temporale

Il Bonus energia per il risanamento energetico è limitato temporalmente; la data finale per usufruirne è fissata al 31/12/2019.


Importante

I limiti di distanza fra edifici imposti per legge (Decreto Ministeriale n. 1444 del 1968) devono essere rispettati.

Le nuove unità abitative realizzate con la ricostruzione devono essere convenzionate.
Nella concessione edilizia lo sfruttamento del bonus deve essere esplicitamente citato.

Costi

Oltre alle spese direttamente correlate alla riqualificazione energetica dell'edificio, devono aggiungersi i costi per il rilascio della concessione edilizia prevista per l'aumento di cubatura.

Ulteriori esborsi sono da preventivare anche per il calcolo dei requisiti di efficienza energetica (CasaClima) da parte di un tecnico autorizzato, come pure per la certificazione da parte dell'autorità competente. Anche in questo caso si raccomanda di chiedere sempre un preventivo!

Contributi e agevolazioni fiscali

Per i vari lavori di risanamento sia lo Stato che la Provincia Autonoma di Bolzano prevedono vari contributi ed agevolazioni fiscali.
Per informazioni più dettagliate si rimanda al foglio informativo "Agevolzioni e incentivi nell'edilizia".


Foglio informativo WA130 – Situazione: 09/2016