L'Antitrust sospende in via cautelare la promozione della criptomoneta OneCoin – segnalazione del CTCU e del CEC

Sospetto di un sistema piramidale


L'Antitrust, con un provvedimento cautelare di venerdì scorso, emesso nel corso di un procedimento istruttorio, ha vietato la promozione e diffusione della criptomoneta OneCoin, che veniva effettuata tramite i siti onecoinsuedtirol.it e onecoinitaliaofficia.it; il terzo sito, onecoinitalia.com, è stato oscurato.

Le segnalazioni del Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU), del Centro Europeo dei Consumatori (CEC) e della Consob hanno riguardato il sistema implementato dalla One Network Services Ltd. Tale sistema sembra basarsi sull'adesione ad un programma che mira alla diffusione della criptomoneta OneCoin e prevede anche l'acquistato di pacchetti di formazione. Ai consumatori venivano prospettati notevoli ritorni economici: a fronte di un „investimento“ iniziale di 140 euro in un biennio avrebbero dovuto guadagnare 2.800 euro.

Secondo l'Antitrust, già l'indicazione dei benefici, che si verrebbero a maturare, sarebbe di suo aleatoria, e mirerebbe ad attrarre un alto numero di consumatori, che dovrebbero poi investire importi cospicui nel sistema arrivando così a generare un sistema piramidale, assolutamente vietato per legge.

I responsabili non hanno saputo fornire all'Antitrust spiegazioni sufficienti, nè in relazione al funzionamento del sistema, nè in relazione alla verosomiglianza dei guadagni prospettati.

Per questo motivo l'Antitrust ha ritenuto necessario sospendere in via cautelare la promozione e diffusione di OneCoin e dei relativi pacchetti formativi.

Per maggiori informazioni consumatori possono contattare il Centro Europeo dei Consumatori di Bolzano (t. 0471-980939, info@euroconsumatori.org).




Comunicato stampa
Bolzano, 02/01/2017